la breccia della porta

Mia figlia ha la fissa di sbattere le porte anziché chiuderle delicatamente e inoltre non capisce quando è il momento di fare silenzio.

Ieri ad esempio io e Mario stavamo cercando di capire “chi porta e va a riprendere Virginia alla scuola materna” visto che lui ha l’attitudine a cambiare spesso idea.
La sua prima versione è stata “la porti tu e la prendo io”, la seconda “la porto io e la prendi tu”, la terza “pensaci tu che io ho da lavorare” al che son sbottata in un sonoro “oh, ma ti vuoi decidere si o no che mi sto rimbecillendo a starti dietro”…alla fine la porterà lui e la andrà anche a riprendere, tanto io poi tornerò a casa poco dopo e lui sarà libero di fare quello che gli pare.

In tutta sta faccenda, mentre parlavo con Mario (che era in corridoio) stavo seduta per terra in stanza di Virginia a giocare insieme a lei con i lego; lei evidentemente infastidita da tutto sto parlare si è alzata e ha chiuso la porta.

Io le ho detto “Virginia non si fa, quando una persona parla non gli si chiude la porta in faccia”.
Mario riapre la porta e le ribadisce che “non si fa”, lei manco per i tacchi torna a voler chiudere la porta e io nuovamente le dico “quando mamma e papà parlano – anche se nel frattempo sto giocando con te – non vanno interrotti e non si chiude la porta in faccia alle persone”; ma lei niente, ha insistito a voler chiudere la porta.

(Probabilmente ho sbagliato io a creare la dinamica, nel senso che anziché giocare con lei e ogni tanto rispondere a Mario avrei dovuto mettere in pausa il momento di costruzioni coi lego e dirle “gioca da sola che mamma deve parlare con papà”, ma riuscendo a fare le cose contemporaneamente non mi sembrava necessario).

A quel punto Mario ha preso la porta, l’ha scardinata, l’ha messa in corridoio sotto gli occhi increduli di Virginia e le dice “ecco, adesso prova a chiudere di nuovo la porta”.

Tragedia: “papà è cattivo, ha staccato la porta della mia stanza!”.
e io le ho spiegato che “se sbatti le porte o interrompi mamma e papà quando parlano finisce che dovremo togliere tutte le porte”.

Credo abbia capito, da ieri non ha più chiuso malamente la porta di camera sua (che poi Mario ha rimesso a posto).

Il problema non è di per se “il rumore della porta che sbatte” ma il fatto che sono porte con il vetro…e se dovesse rompersi potrebbe farsi male (anche se ho messo gli appositi adesivi per evitare rotture accidentali).

è difficile essere genitori, vivo costantemente con l’idea “avrò fatto o detto la cosa giusta?” e non so darmi risposta perché i risultati sono a lungo termine…

spero bene.

Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento, Lettere all'eroe solitario, Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a la breccia della porta

  1. Franz ha detto:

    è difficile stabilire chi comanda davvero in casa… chissà se virginia voleva attirare l’attenzione o stava esercitandosi nelle prove del comando… 😀

  2. Marcello Trombetti ha detto:

    Soluzione un po drastica togliere la porta però ha funzionato

  3. almerighi ha detto:

    papà si direbbe si sia un po’ rotto i maroni a forza di sentire la porta sbattere…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...