i silenzi.

Se una cosa ho imparato è che ci sono “silenzi e silenzi”.
Ci sono silenzi colmi d’amore e altri pieni di indifferenza.
…Io odio dal profondo del mio cuore i silenzi di quelli che “spariscono per poi ricomparire di punto in bianco accampando mille scuse”.
La verità è che se due persone si vogliono bene (e non parlo d’amore ma anche della semplice amicizia) il tempo per fare una telefonata, per mandare un sms, un qualsiasi segno vitale lo si trova.
Un fottuto << Ciao come stai? >> uno ogni tanto lo desidera…Anche se poi è una domanda inutile, tremendamente inutile perché non si è quasi mai sinceri.
Vabbè… Lasciamo stare che è meglio.
 
Ognuno ha le sue croci – m’è stato insegnato a catechismo – e il Signore non da mai un dolore più grande di quello che una persona non sia in grado di sopportare.
A volte mi viene da pensare che siano cazzate.
 
Detto ciò, sono le 16.00, il tempo è orrendo e so che sarà una Pasqua domestica.
 
– Come stai Cerchietto?
– Mhà, come vuoi che stia, ci sono momenti in cui mi rendo conto di non essere forte quanto vorrei.
Momenti del cavolo in cui mi rendo conto di essere ancora così suscettibile dinanzia a certe situazioni.
Momenti in cui mi basta un silenzio prolungato per farmi diventare cupa la giornata e questo so che non va bene.
So che me ne dovrei fottere e sorridere come sempre.
Il punto è che se ti frega tanto di una persona non c’è nessun autoconvincimento che possa funzionare.
Tutto quello che ti circonda ti sembra fuoriposto.
Basterebbe una fottuta telefonata, una lurida fottuta telefonata: “Ciao come stai? Io sto facendo questo questo e quest’altro, con te? Tutto apposto?”.
L’amicizia è più cavillosa dell’amore, da molte più noie e fa star soprattutto più male.
Un uomo passa, è facilmente sostituibile da un altro.
Un amico\a no.
 
…Dal paese della pioggia che sembra non voler passar mai i auguro anticipatamente una Buona Pasqua e una felice resurrezione.
Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Lettere all'eroe solitario, Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a i silenzi.

  1. tramedipensieri ha detto:

    Un uomo passa, è facilmente sostituibile da un altro.
    Un amico\a no.
    condivido pienamente.

    buone festività
    .marta

  2. Orso Chiacchierone ha detto:

    A volte è semplicemente un “ora lo farà lei/lui” e nessuno fa mai niente!
    Ti capisco perché mi trovavo e mi trovo in questa situazione spesso! Maledizione!

  3. johndscripts ha detto:

    Cara Cerchietto,
    non condivido appieno la conclusione (su cui si potrebbe discutere ore), ma il cuore del discorso sì.
    Odio i silenzi e aumentare la dose di dialogo, fregandosene un po’ delle “regole” dei rapporti sociali, ogni tanto non guasta 🙂

    Nel rapporto d’amicizia inizi a capire subito quanto quell’amico/a è in contatto con te e quanto in profondità. Più ci tieni ad un rapporto, più ne hai bisogno e soffri se questo sentimento non è intenso quanto il tuo… si soffre tanto, lo so. E rimedi per il mal d’amicizia (come per il mal d’amore) non ce ne stanno. Forse…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...