Uff.

Scrivere a qualcuno è l’unico modo
di aspettarlo senza farsi del male.
Alessandro Baricco – Oceano Mare
 
Ed eccoci qui…
Ah, oggi è una giornata di quelle storte – per me.
Sto facendo del mio meglio per raddrizzarla ma proprio non mi riesce.
Ho un buco in centro al petto.
 
Ma come Cerchietto? Che ti succede?
Niente di tragico, sono solo stupidi fottuti ormoni in sobbuglio.
Si vede che ho un calo delle endorfine, della feniletilamina, della serotonina, fattostà che oggi proprio il morale è cadente.
 
O forse perché…Magari riesco a spiegarmi meglio usando una parabola da me inventata – sul momento.
 
Fai finta di aver programmato un viaggio insieme ad una persona.
– “Ci vediamo domani, prendiamo il treno insieme ok?” dici tu.
– “Certo contaci” risponde l’altra persona.
Così l’indomani ti rechi in stazione…Biglietto pronto e bagaglio in mano ti dirigi al binario e…L’altra persona non c’è.
“Sarà in ritardo” pensi e così lo aspetti.
Guardi l’orologio e niente… Niente di niente.
Il treno arriva e a malincuore lo prendi, dispiaciuto per il fatto di viaggiare senza la compagnia sperata.
Sei in viaggio e la persona ti chiama e ti dice “ehi, scusa, ho perso il treno, ti sto raggiungendo alla prossima stazione!”.
Arriva la stazione successiva, tu ti affacci dal finestrino…E lui\lei non c’è.
Allora lo chiami e ti dice “scusa, non riesco mai ad essere puntuale, cerco di raggiungerti alla prossima fermata”.
Ma così non è.
Finalmente scendi dal treno, dove prendere la coincidenza con un altro.
Sei sul binario giusto, biglietto già obliterato, tutto sembra filare liscio – tranne per il dispiacere della mancata compagnia – e d’improvviso cominicano che il treno è in ritardo.
 
E tu aspetti e aspetti come un coglione da solo sul binario in attesa che sto benedetto treno arrivi.
 
Nel frattempo, inaspettatamente, l’amico ritardatario ti raggiunge alla stazione col treno successivo.
Cosa veramente inaspettata, non ci avresti più scommesso 2 lire su di lui\lei.
Finalmente vi ritrovate e il fatto che il secondo treno non sia in orario sembra non pesarti più.
Perché dopo tutto, anzi, nonostate tutto con lui\lei tutto il mondo ritrova un suo senso.
Passa il tempo, piacevolmente,  quando danno l’avviso che il treno sta arrivando.
– Finalmente, era ora! – pensi tu ma il tuo amico\a ti dice:
– Già, solo che io non posso continuare, ho altro da fare.
 
E così riprendi il viaggio, da solo, deluso e col mondo che d’improvviso ha perso il suo senso.
 
Come vi sentite dopo questo racconto?
Io mi sento proprio come quell’idiota che si ritrova a viaggiare da solo.
Questo mi accade ogni volta che do troppo a qualcuno che in definitiva in un modo o nell’altro sa sempre come lasciarmi l’amaro in bocca.
 
E non centra l’amore, non c’entra Totoro… magari fosse una pena d’amore!.
Sto malessere rientra nella sfera dell’amicizia…Che per me è ancora peggio.
 
Vabbè, era uno sfogo mio personale, che forse non meriterebbe manco di essere pubblicato ma che mi servirà per le prossime volte…Quando magari sarà passato del tempo e io mi sarò dimenticata di “tutto questo”.
 
Buon week…Ehi si respira aria di neve!
 
 
 
 
 
Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Lettere all'eroe solitario, Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Uff.

  1. amoreplatonico ha detto:

    Non ci ho mai creduto troppo nelle amicizie, non so perché. Ma a un certo punto ti ritrovi sempre in una posizione sbilanciata: o tu dai troppo, o lo fa l’altro. Oppure prendi quel treno insieme, ma durante il viaggio ti rendi conto di quanto sia poco adatta quella persona a te.

  2. mi chiedo perché non dire fin dall’inizio: non riesco a starti dietro, non riesco a prendere il treno con te. mi pare brutto arrivare a “ho altro da fare”.

  3. johndscripts ha detto:

    ‘sti treni!
    Ma come mai tutti ce l’hanno con i Treni? Sembra che qualsiasi sentimento negativo si rispecchi nei Treni. Loro portano solo da qua a là la gente che vi monta. Poi, si arrivi prima, o dopo (o non arriva proprio) è questione di tempo.
    L’unica cosa che conta è il desiderio e la voglia di mettersi in viaggio, da soli o in compagnia. Ma queste sono scelte…

    Ma… hey! Sta nevicando?

    Oggi no?

    Meno male 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...