Giorni meravigliosi.

Sono silenziosamente felice, il motivo è Totoro.
Il mondo può andare a rotoli, può scatenarsi anche l’Apocalisse e il mondo finire…Finchè ci sarà lui a farmi sorridere resterò silenziosamente felice.
Basta uno sguardo e mi sento serena; se io sono quella che sogna, lui è quello che mi riporta piacevolmente a terra, senza farmi cadere.
Amo la luce negli occhi di Totoro…Comunque tra il più e il meno dello scorrere della giornata mi sono venuti in mente i nonni di Totoro.
Ogni tanto andiamo da loro per pranzo o cena e mi domando a come sarebbe stati i rapporti con i miei nonni se fossimo vissuti nella stessa città.
Stavo pensando che ho all’attivo 2 nonne ed entrambe mi hanno ripudiato per i seguenti motivi:
1. la nonna paterna odia il mio menefreghismo per le apparenze, la mia mancanza di devozione alla Madonna con la conseguente mancanza di castità.
Per lei sono l’incarnazione della “grande Meretrice di Babilonia” (quella dell’Apocalisse) solo perchè non seguo i precetti mariani di purezza e castità.
Ma che pretendere da una che mi ha sempre detto: “io oltre a tuo nonno altri non avuto e i 5 figli che ho fatto, li ho fatti tutti al buio, non sapevo nemmeno come era fatto mio marito!”.
 
Una volta mi sono permessa di risponderle: “vedi nonna, il problema è proprio questo, se tenevi la luce accesa probabilmente ti saresti divertita un po’ di più e forse non avresti fatto 5 figli”.
 
Per lei “aver fatto sempre l’amore al buio è segno di pudicità e mancaza di lussira” per me è segno di “non aver capito molto sui piaceri della vita”.
Tant’è che spesso poi replicavo: “nonna, buio o meno, hai chiavato anche tu, minimo 5 volte in tutta la tua vita! Quindi questo non ti rende più santa delle altre donne”.
Col tempo poi l’ignoranza reciproca è aumentata ed alla fine i nostri rapporti, essenzialmente telefonici si riassumono in un “come stai? – tutto bene grazie, ti passo papà…”
 
2. l’altra nonna invece non mi ha ripudiato direttamente ma indirettamente. Qui la colpa è l’essere figlia di mia madre…Essendo stata ripudiata lei, di conseguenza anche io sono stata ostracizzata.
Vorrei sapere come sta dato che ho felici ricordi collegati a lei e mi dispiace che probabilmente la rivedrò per il suo funerale, però vabbè, non posso fare molto in quanto ho provato a contattarla ma lei non ha mai risposto.
 
Comunque le mie nonne moriranno e io non le rimpiangerò molto;  le ho conosciute quel tanto che mi basta per capire che a loro devo soprattutto un rigraziamento per non aver tenuto le gambe chiuse (indipendentemente se al buio o meno) altrimenti non sarei qui a scrivere.
 
Per capirci, per me la nonna è quella che odora di violetta e lenzuola pulite, coi capelli cotonati e che la domenica ti invita a pranzo da lei…E quella che in conclusione so di non aver mai avuto; ma poteva andarmi peggio.
Assenti giustificati invece sono i nonni, uno è morto prima della mia nascita, l’altro è ricomparso un giorno; mia nonna lo riprese con se per finta pietà cristiana – si erano separati senza mai divorziare un ventennio prima. In pratica si sposarono, il matrimonio durò 5- 6 anni e poi lui se ne andò o lei lo butto fuori di casa…Non lo so, credo sia stata una scelta condivisa. Fatto sta che come è sparito così è ricomparso, circa 20 anni dopo, molto malato e parecchio rimbambito.
Io ero già nata quando mia nonna se lo riprese (probabilmente per intascare anche la sua pensione).
Fatto sta che di lui ho qualche ricordo, decisamente comico.
Non era molto lucido e dubito che sapesse che fossi sua nipote.
Avendo fatto la guerra seconda guerra mondiale in Africa (fu fatto prigioniero dagli inglesi e una volta rincasato si sposò con mia nonna che era più giovane di lui, mentre lei era già vecchia all’epoca per sposarsi, aveva passato i 30) ogni volta che in tv c’era qualche sparatoria lui si accucciava sotto il tavolo, convinto che stessero sparando a lui.
è stato un passatempo divertente mio nonno, non capendo la sua malattia per me era semplicemente un vecchietto un po’ strano col quale poter giocare facilmente a nascondino e vincere sempre.
Ha fatto una morte dignitosa, in casa; un giorno aspettava il barbiere, seduto sulla sua sedia (si…Una volta, almeno fino agli anni 90, c’era ancora il barbiere che veniva a casa se avevi bisogno) e un ictus celebrale l’ha stroncato.
Nessun dolore, nessuna sofferenza.
Le sue ossa ora riposano in un loculo al pian terreno ed  “è andato in paradiso per scambio” perchè a lui nessuno porta i fiori (io da dove vivo non riesco a portarli di persona se non quando sono in vacanza lì) però davanti al suo ritratto vengono adagiati tutti i lumini e fiori destinati a quelli che sono sepolti nei piani superiori… Fiori sulla sua tomba non ne mancheranno mai.
 
…E poi mi capita di andare la domenica a pranzo dai nonni di Totoro e mi interrogarmi sul cosa possa essere andato storto nel mio albero genealogico.
 
PS: il coniglio sta bene e gode di ottima salute. La macchina dovrei venderla a breve 😀 Presto entrerò nel mondo di coloro che usano solo il bus e il TC! Tacco e suola!
Comuque mi aspettano giorni meravigliosi 🙂
 
Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Lettere all'eroe solitario, Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Giorni meravigliosi.

  1. ladytomby ha detto:

    Sai, le nonne temo siano un bel cavolo di problema. Io ho avuto la fortuna del 50 e 50…una che adoravo (e che, ovviamente, è morta) e l’altra con la quale ho chiuso da un po’ dopo una guerra in cui lei estrometteva noi (me, mamma e babbo) e noi cercavamo di non fare caso al suo egoismo. Ma dopo un po’, a furia di tirar la corda, questa si spezza………!
    Bel post comunque, l’ho letto volentieri.. =) a presto!

    • Cerchidifumo ha detto:

      eh, l’egoismo di certe nonne è una brutta bestia 😦 Tipo la mia (quella con la fissa per la Madonna) tende a fare preferenze abissali, tant’è che adora mia sorella che è il mio esatto contrario. Vabbè…Alla prossima!

  2. Si puoi dire che hai fatto 13 al Totorocalcio ?

  3. lois ha detto:

    È bello e contagioso il tuo ottimismo! buoni giorni allora 🙂

  4. Orso Chiacchierone ha detto:

    Io ho conosciuto solo mia nonna paterna. Mio nonno paterno è andato via poco dopo la mia nascita ma mi rccontano che io gli somigli molto, anche nei modi di fare: probabilmente saremmo andati d’accordo.
    I miei nonni materni sono morti quando mia madre era una ragazzina.
    Anche mia nonna ora non c’è più: il mio unico rimpianto è non aver passato più tempo con lei. Non le ho mostrato molto di me ma credo lei abbia capito come sono fatto.
    Ogni volta che tornavo da un viaggio le portavo un souvenir e mia zia, con la quale viveva, si arrabbiava ogni volta.
    Però tutto quello che le portavo era in bella vista, e questo mi rendeva felice.

  5. dieciannifa ha detto:

    Io ho conosciuto veramente solo mia nonna materna con la quale ho vissuto dai miei tre anni fino a quando non sono andato via di casa. Mi adorava, ero il suo principino….mi vedesse adesso….PS bentrovata!!! se sei ancora curiosa di sapere….non è andata benissimo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...