6 anni

6 anni fa, ora non ricordo esattamente il giorno, ero in una Torino in piena festa per la vincita dello scudetto…Quello che poi sarebbe stato tolto per la faccenda Moggi & Calciopoli.
 
6 anni dopo mi ritrovo a Trieste e mi ritrovo nuovamente tra i festeggiamenti degli juventini che hanno vinto lo scudetto.
Alla juve ci sono voluti 6 anni per rimettersi in carreggiata e trovo veramente singolare il fatto che “involontariamente, causalmente o per opera divina” sia finita per due volte di fila tra i festeggiamenti dello scudetto della stessa squadra.
Da uno scudetto all’altro sono passati 6 anni. Uao…6 anni anche dalla vittoria del mondiale.
 
Nel 2006 era tutto molto diverso, non c’era l’aria pesante che si respira adesso con la faccenda “crisi economica”.
…E io?… Ne ho combinate così tante che è meglio che soprassieda, quel che è certo è che non mi sarei mai immaginata “così”.
Di strada ne ho fatta e ho distrutto parecchi Uroborus.
All’epoca ero innamorata persa di un ragazzo e credo quella sia stata la prima volta che ci sia rimasta veramente male quando finì.
A distanza di anni comunque mi sento veramente FIGA per come ho gestito la relazione.
 
Era una storia a distanza…Trieste- Torino (che follia) ma nonostante tutto ci vedevamo nei week end, con una certa costanza. Ricordo che passavo molto tempo con in mano il calendario per decidere quando potermi dedicare a lui.
Ero quasi sicura di trasferirmi lì per finire gli studi e farmi una vita con lui.
Vabbè, ero veramente innamorata, quelle cose letali.
Un giorno di maggio, qualche giorno dopo la vittoria dello scudetto della Juve,lui mi disse che era molto titubante a causa dell’estate.
– COme scusa?
– Ma si, io torno giù per tutta l’estate e poi ritorno a Torino per settembre.
– be, dov’è il problema, anche io in estate vado giù, siamo addirittura più vicini (lui era di Barletta e studiava al Politecnico di Torino).
– non lo so…
– Non sai cosa?
– Non ci vedremo facilmente, in un’estate può succedere di tutto…
– E allora? In pratica mi stai dicendo che è meglio finirla qui?
– …E che fai, vorresti aspettarmi?
–  Allora finiamola qui.
.-.-.-.-.-.-. Il giorno dopo tornai a casa e Dio solo sa quanto mi sentivo delusa,tradita, arrabbiata, ricordo di essere arrivata in stazione a Trieste e mentre scendevo dal treno capii che non l’avrei più rivisto.-.-.-.-.-.
Fu una delusione gigantesca perchè io ero innamorata persa, lui invece si poneva il seguente problema:
 
“durante l’estate mi rivedo con gli amici, andiamo in giro a ballare, conoscero altra gnocca e l’idea di avere una fidanzata lontana alla quale restare fedele mi potrebbe essere problematico”.
 
Tant’è che l’amico Fritz in un primo momento provò a menarmela con la storiella della “pausa di riflessione”…Buahahhahaha.
– Pausa di riflessione? No caro, io non ho bisogno di nessuna pausa, so quello che voglio, sei tu quello che non lo sa, ma comune non sono disposta a prendermi una pausa. O vuoi me o non vuoi me, semplicemente.
Comoda la vita no? Durante l’estate con la scusa della pausa di riflessione ti fai i cazzi tuoi e poi speri di tornare da me e pretendere anche che io ti riaccolga tra le mie gambe?
 
A 20 anni ero ancora più cazzuta di adesso come carattere, direi ancora più talebana 😀 (Poi negli anni il carattere cazzuto non è cambiato, ho solo smussato gli atteggiamenti…Ma la base è immutata).
 
Arrivò l’estate e solita vita: socializzo con gente nuova, esco, mi diverto anche se in definitiva mi restava l’idea di lui che mi impediva di farmi corteggiare da altri ragazzi.
Un giorno mi dico: “No, non posso andare avanti così, devo forzare la mano e impormi di prendere in considerazione qualche ragazzo o finirà che arriva settembre, lui si rifà vivo e io potrei avere la becera idea di tornare con lui”.
Già, perchè il mio problema era essenzialmente 1: non ricaderci. Sapevo già nel mio cuore che sarebbe finita l’estate e che lui si sarebbe rifatto vivo, magari per sondare il terreno e chiedermi di ritornare con lui qualora non avesse combinato un cazzo con nessuna durante l’estate.
Non volevo indugiare, volevo la avere la certezza che qualora si fosse tornato non avessi avuto nessun dubbio o voglia di tornare con lui. Gli avevo dato il cuore una volta e non era degno di riaverlo una seconda.
 
Capisco che al cuor non si comanda, ma non ho mai capito come si possa voler tornare con una persona che ti ha ucciso dentro…Anche se la pulsione e la voglia masochistica c’è, io mi sono sempre imposta di dominare quei generi di sussulti dell’anima che spingono a prendere scelte razionalmente sbagliate.
 
Tant’è che alla fine trovai le mie piecevoli distrazioni: MONDIALI DI CALCIO, AMICI e qualche ragazzo con cui flirtare e che non mi facesse pensare a lui.
Vinciamo i Mondiali…Minchia che estate stupenda e che bagordi!
Vado in vacanza, rivedo il mio ultimo UROBORUS distrutto a Capodanno (Ale) e… E Antonio scivolò lentamente via da me.
Finì l’estate, finirono le vacanze e lui si rifece vivo.
– Ciao,come stai? come è andata l’estate?.
– Ciao…L’estate è andata molto bene, mi sono divertita. Ho conosciuto gente nuova. Tu piuttosto hai fatto lo sciupafemmine?
– NO… Hai incontrato qualcunaltro?
– Si…Non ti ho aspettato.
– Ah, capisco…
– Si, capisco anche io 🙂 Ora scusami ma devo andare.
 
Ecco come ho distrutto uno dei miei primi Uroborus.
Non ho mai concesso seconde occasioni, avrei potuto dirgli che in realtà mi era mancato e che avevo dovuto fare i salti mortali per togliermelo dall’anima, ma non meritava di saperlo.
Un idiota che torna a cercare la ex e la ex che lo manda a fanculo: fine di un grande amore e distruzione di un Uroborus. è così che dovrebbero andare le cose, sempre e comunque.
 
6 anni dopo un po’ me la rido per come poi tutto si è andato ad incastrare in modo PERFETTO.
Guardandomi indietro riconosco perfettamente un sacco di momenti grazie ai quali ora non mi troverei qui a scrivere, relativamente felice…Felice da un punto di vista sentimentale, un po’ meno per il resto, ma chi se ne…
 
Quel che oggi ho capito è che nella vita di ogni persona, quando ci si ritrova in un momento di difficoltà, in realtà ci sono già le soluzioni per venirne fuori, stanno sotto il naso o la  persona che ci aiuterà ad uscirne fuori è già presente ma solitamente si è troppo presi dal proprio dolore per rendersene conto.
 
Tipo…Io mentre vivevo alla grande la mia storia d’amore con Trieste-Torino, all’Università avevo conosciuto nello stesso periodo un ragazzo col quale seguivo il corso di fisica 2, solitamente ci siedavamo vicino per seguire le lezioni e siamo diventati amici.
Finito il corso di fisica due siamo rimasti in contatto ma non ci siamo più incontrati.
Era passato esattamente un giorno da quando avevo concluso col mio ex di Torino (SETTEMBRE 2006) e questo mio amico mi telefonò di punto in bianco invitandomi ad uscire fuori per un kebab; era da tanto che non ci vedevamo e così accettai.
Alcuni le chiamano coincidenze, io il chiamo “quei punti della tua esistenza nei quali sta avvenendo un cambiamento e non te ne rendi conto”.
Quella sera stessa incontrai quello che qualche tempo dopo sarebbe stato un mio moroso per circa 9 mesi circa. Fu una storia ai limiti del normale ma fu indispesabile per conoscere Totoro e capirete perchè.
Ci mollammo, indovinate quando? Ovviamente a Maggio ^_^ Maggio 2007.
Una sera di qualche settimana dopo, per la precisione il 25 maggio, andammo a ballare tutti insieme (io, il mio ex, i suoi amici ).
Entrati in discoteca, fatalità, destino – non so più come cazzo chiamarlo- volle che uno degli amici del mio ex  incontrasse un suo amico delle superiori che non vedeva da EONI DI TEMPO.
Fu talmente felice di averlo incontrato che gli disse: “sono qui con degli amici, vieni che te li presento”.
 
Così conobbi Emanuele, grazie ad un amico del mio ex. MEGLIO DI BEAUTIFUL.
Fu un colpo di fulmine secco, tant’è che pochi giorni dopo ci mettemmo insieme.
Passano un paio di anni, il mio ex decide di comprare la moto.
Dio- il caso- il destino hanno voluto che tra tanti annunci di “vendo ducati” il mio ex beccasse quello di Giacomo.
Chi è Giacomo? Un caro amico di Totoro ^_^
Stringi stringi, il mio ex si compra la moto e mantiene i contatti con Giacomo e conosce anche Totoro.
Voi vi direte “qual è la morale della favola?”…Leggete ancora un po’ e capirete.
———> Casualmente qualche mese dopo Emanuele mi disse: << andiamo alla festa di compleanno di un ragazzo col quale ogni tanto vado in giro in moto, ci ha invitato>>.
 
io non volevo assolutamente andare perchè stava in un’osmizza in culo al mondo e non conoscevo nessuno però poi mi sono detta: “è sabato sera…che cazzo faccio a casa?” e così lo accompagnai a sto compleanno di questo ragazzo che non conoscevo.
 
Indovinate che mese era? Maggio dell’anno scorso!
12 maggio 2011, in un’osmizza sperduta sul carso incontro Totoro.
Come lo vidi e pensai “oddio che carino!!!”, nonostante fosse brillo, però… Vabbè sono quei pensieri che come ti vengono così archivi in automatico.
Qualche giorno dopo la sua festa ci aggiungemmo rispettivamente ai contatti FB e la cosa finì così.
Passa l’estate, arriva settembre e uccido un altro Uroborus: si conclude definitivamente la storia tra me ed Emanuele (che per me era morta da circa un anno, però attendevo il momento giusto per concluderla. Il mio momento giusto era “che volevo farmi mollare”, dopo una vita passata a scaricare e a sentirmi stronza, almeno per una volta desideravo che fosse l’altra parte a prendere l’iniziativa – quando mi ha detto “è meglio finirla” è stata una liberazione, sono andata via saltellando e a pensare al sorriso che avevo in faccia quando sono andata via posso dirmi che sono stata pessima, non sono nemmeno riuscita a fingere che mi dispiacesse).
Tant’è che pochi minuti dopo chiamai un mio amico (il tizio che ora sta con una ciospa – vedere due post prima) che venne a recuperarmi in auto e andammo a festeggiare l’avvenimento perchè lui era a conoscenza dei vari miei casini. Inizio a frequentarmi con questo qui ma non va, tant’è che ad un certo punto, esaurita e stufa (ottobre 2011)  mi dico: basta! Sto meglio da sola, non voglio più nessuno tra i coglioni.
 
Arriva la sera del 24 dicembre 2011, accendo il pc, accedo al mio FB e “io che non uso mai la chat” per una volta mi dico “ma si, vediamo chi c’è on line, così mando un po’ di auguri”.
Come passo on line Totoro mi scrive un “buonasera signorina…”, dopo esattamente 6 mesi durante i quali non ci siamo ne visti ne sentiti, ci siamo ritrovati “per caso” (ma credo che non sia un caso) a scambiarci gli auguri.
– Cosa fai domani che è Natale?
– Niente e tu?
– Non ho programmi, se vuoi andiamo a farci un aperitivo…
– Va bene!
– Anzi, visto che non sono molto modaiola, forse è meglio che prendiamo 2 birre e andiamo a berle in qualche posto carino 😀 Come due alcolizzati marci.
– Ok, porto io le birre- mi scrisse Totoro…E il resto è storia.
Ed eccomi arrivata qui, in questo 7 maggio…Tra due giorni è il suo compleanno.
Sono passati 6 anni e di maggio in maggio una serie di eventi concatenati, fortuiti o meno (ognuno la pensi come vuole) mi hanno portato esattamente a DOVE VOLEVO ESSERE E A COME SOGNAVO DI SENTIRMI.
 
MORALE DELLA FAVOLA: DA OGGI INIZIO A TIFARE JUVE.
 
 
 
Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Lettere all'eroe solitario, Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a 6 anni

  1. valeprue ha detto:

    questo post mi piace davvero tanto!!! 🙂

  2. hahaha che storia avvicentissima!! io amo maggio ma per altri motivi 😀
    nemmeno io una volta mi lasciavo mettere i piedi in testa, fin quando, appunto, c’è stato G. e quello mi ha totalmente rovinato la vita, ha rovinato il me stessa. ed uscirne… ci sta volendo tanti anni. ma tanti davvero.
    sono davvero contenta per te 🙂

  3. harahel13 ha detto:

    sempre un piacere leggere le tue avventure! 🙂

  4. inusualfor ha detto:

    Manu, ti adoro! Era un po’ che non trovavo il tempo di leggere il tuo blog, ma mi piace sempre di più! 🙂 stupendo intervento…gli anni sono passati davvero così in fretta? Mi sembra ieri che ero in piazza a festeggiare la coppa del mondo del 2006.
    Ah, e la morale mi piace proprio tanto! xD

  5. Endorphin ha detto:

    Ma potresti scriverci un romanzo, mi sono appassionata tantissimo a leggere la tua storia!XD

    • Cerchidifumo ha detto:

      eh…credo che se incorporassi anche il capitolo “amanti” verrebbe una storia meglio di “via col vento”…Ma vabbè, meglio lasciare certi scheletri nell’armadio ^_^

  6. masticone ha detto:

    La Juve non ha rubato lo scudetto!
    c’ha pure lo scontrino…

  7. schiccia ha detto:

    che fico! e io conosco un particolare supersegreto di quel settembre 2006 😀
    o almeno credo sia settembre 2006… vabbe’ in quel periodo comunque XD

    anche io potrei scrivere un bruttiful su questi ultimi 6 anni, tra l’altro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...