Saggio sulla gelosia…Come trattarla.

GelosiaOggi scrivo sulla gelosia: stupido, insano sentimento che avvelena qualsiasi tipo di rapporto.
Parente dell’invidia la gelosia (per me) è la stricnina dell’amore.
“L’amore non è bello se non è litigarello”…Che cazzata.
L’unica cosa di cui sono gelosa, che custodisco e difendo a priori è la mia LIBERTà.
Si, sono gelosa della mia libertà (in ogni senso: di pensiero, parola e azione).
Le persone gelose non conoscono l’amore in modo completo perchè limitate dal senso di possesso per l’altro\a. Asserisco questo in quanto animata da 2 motivazioni semplici e oggettive:
AMORE è FIDUCIA.
AMORE è RISPETTO
Se c’è amore nell’animo di una persona non  può esserci spazio per la gelosia (e per il tradimento).
Un rapporto dove nessuno dei due è geloso è fantastico. Ognuno porta avanti i propri interessi senza limitazioni, si è liberi di uscire con amici e amiche senza doversi necessariamente portarsi dietro lui\lei, ci si capisce, ci si comprende nelle proprie debolezze. Le vacanze  non è necessario farle assieme (e a volte serve staccare da tutto e tutti).
Un uomo o una donna non tradiscono se provano amore per il proprio partner, quindi che temere? Il punto è che di amore, quello giusto, del per sempre ce n’è solo uno e spesso prima di incontrarlo di acqua sotto i ponti ne deve passare. C’è chi prenderà qualche batosta, chi di batoste in amore non ne riceverà ma le darà soltanto  e chi magari non incontrerà mai la persona giusta (può succedere, rientra nell’ordine delle cose).
Sta di fatto che una buona percentuale prima o poi riesce ad accoppiarsi con la persona giusta; la bravura sta nel non farsi rovinare la vita da quelle sbagliate.
Il termine “sbagliate” non mi piace molto, ma non so come definire certi ex che a quasi tutti capita di collezionare nel corso della propria esistenza  prima di incontrare il partner col quale invecchiare. A volte ci si ritrova nel posto sbagliato, al momento sbagliato e con la persona sbagliata. Nella coppia se uno dei due realizza e prova una cosa del genere allora è finita e quando avviene la rottura è il caso di prenderla e viverla senza farsi avvelenare l’esistenza dalla gelosia. Se questa all’interno di una coppia può essere deleteria, quella da fine rapporto è veramente un veleno.
Gli ex gelosi sono una piaga e solitamente sono proprio quelli che vengono lasciati ad esserlo perchè non si arrendono all’idea che sia finita, di conseguenza finiscono per incasinare la vita a se stessi in primis, all’altro\a e a tutti quelli che gravitavano intorno alla  ex coppia (tipo gli amici di entrambi che non sanno come comportarsi).
C’è da dire che però anche chi lascia spesso sbaglia comportandosi in modo ambiguo, non raccontandola giusta e alimentando false speranze perchè non ha le palle per dire chiaramente come stanno le cose.
è sempre meglio una brutta verità che una bella bugia.
-Ti lascio perchè non ti amo più- detta guardando negli occhi la persona che si vuole lasciare è meglio del – il problema non sei tu, sono io – o di tante altre motivazioni del cazzo che si raccontano.
La peggiore è quella che alla fine termina con un – SE PUOI ASPETTAMI, IO HO BISOGNO DI TEMPO PER CAPIRE-. è tremendo, non c’è cosa peggiore di quelle persone che ti lasciano senza farti capire veramente perchè lo stanno facendo e ti tengono legate con una sorta di cappio invisibile dicendoti “è solo un periodo…Aspettami se puoi, io ho solo bisogno di stare da sola\o”.
La classica roba che tutti definiscono PAUSA DI RIFLESSIONE (nella quale non ho mai creduto e mai crederò). Il bello è che ovviamente il fesso dall’altra parte ci crede perchè è innamorato e si fida. Non sa che per “ho bisogno di stare solo\a” il lui o lei in questione in realtà intende “scopare con altra gente”.
Già, alla fine le pause di riflessione sono solo una bella bugia che la gente si racconta per giustificare la necessira di “accoppiarsi con altre persone”, detta  senza mezzi termini.
Chi è quello che in pausa di riflessione è stato\a veramente solo\a a pensare? Su che poi? L’amore non va pensato, l’amore si sente e non chiede pause, c’è oppure no e un qualsiasi idiota è capace di sentirselo in petto. Solitamente, non a caso, le pause le rispettano solo quelli che le subiscono, chi la chiede in realtà è già ben che andato\a ma non ha il coraggio di tagliare con un rapporto che sente stretto (il più delle volte stretto anche a causa della troppa gelosia).
A voi tutte, persone che vi sentite tradite o destinate a scoprire il tradimento, indipendentemente se questo è avvenuto nel periodo riflessivo, di crisi o quel che è: – NON PERDONATE – Assolutamente E NON TORNATE COL TRADITORE (a meno che non siate una coppia aperta). Per finire a letto con un’altra persona non è che basta un istante…Il traditore ha tutto il tempo per pensarci, anche mentre si sfila le mutande o se le fa togliere e se non si ferma è perchè non prova più amore per il compagno\a. Per queste cose non esistono vie di mezzo.
Se il vostro compagno\a vi molla per un’altra\o lasciatelo andare ma non ripigliatevelo più se dovesse tornare a bussare alla vostra porta.  Tornateci se e solo se nel frattempo sono passati EONI DI TEMPO e nel mentre entrmbi avete avuto altre storie…Magari in quel caso può essere che il traditore sia maturato, voi anche e potreste riscoprirvi come persone completamente diverse e migliori (ma capita a pochi).
Ci possono essere momenti di stanchezza in un rapporto ma in quel caso due persone legate dall’amore si rinventano e non vanno necessariamente a cercare soddisfazione altrove (a meno che non siano di comune accordo).
Ma tornando alla gelosia…Non c’è niente di più brutto dell’ avere alle calcagna L’EX GELOSO\A CHE SFIORA LO STOLKING.
<<Scrivo per esperienza diretta>> che se fosse un film comparirebbe la scritta “basato su una storia vera”, la mia.
Lo lasciai,  tralascio i motivi, sta di fatto che ero super convinta nel metterci la parola fine. Sapevo e so per certo che non sarei tornata sui miei passi in seguito, così gli dico chiaramente “è finita, non ti amo più” (non posso essere accusata di essere stata poco chiara). Reazione sua: si mette a piangere. (Non mi sono sentita in colpa perchè sapevo di star facendo la cosa giusta per me e di riflesso per lui).
– “Perchè? 3 anni insieme…Perchè?” pignucolò lui.
– “Come perchè…Ti ho detto il perchè : non ti amo più” risposi senza mezzi termini.
– “NON POSSO CREDERCI” rispose.
– “no, non è che non puoi, non vuoi, ma fattene una ragione, io sono sicura di quel che provo e non ti amo più”- e lo pianto li, senza voltarmi e convinta che fosse finita così- ILLUSA!
Nessun aspettami, nessuna pausa, nessuna ambiguità da parte mia.
-The next day- Cellulare impazzito, mail ingolfata,  è lui che ossessivamente mi chiede di incontrarlo. Alla centesima chiamata rispondo – No, non voglio vederti, per che cosa poi? non cambio idea, vedi di darti una calmata perchè così non va bene-. Spengo il cellulare, applico un filtro alla mail, problema risolto. –
The day after tomorrow – SMS: “Possiamo vederci? Devo parlarti! Sono sotto casa tua”.
Sbircio dalla finestra senza farmi vedere ed effettivamente stava lì Risposta: “non sono a casa” – (bugia) – “vediamoci davanti alla caserma della polizia”.
Lui se ne va, io scendo e ci vediamo davanti alla questura. – ” torna con me” –  “no” – “perchè no?” – “perchè si? non ti amo più come devo spiegartelo?” – “ti aspetterò” – “fai che cavolo ti pare non mi interessa” e me ne vado. Puntuale, ogni giorno per qualche settimana ogni scusa era buona per cercarmi e chiedermi “dove fossi, con chi fossi e cosa facessi” e la mia risposta è sempre stata: “vivo la mia vita”.
Non gli davo informazioni di nessun genere perchè sapevo che altrimenti avrebbe comunque trovato il modo di interferire con la mia vita e ringrazio dio che all’epoca non esisteva ne Twitter, ne Facebook…(Non è un caso se a tutt’oggi mi avvalgo dei medesimi usando una privacy limita). Poi un giorno un sms diverso dal solito: “esco con una collega”. Risposta mia: “buon per te” (se sperava di farmi ingelosire cascò malissimo) .
Fine delle trasmissioni – – – e di un periodo stressante. Anni dopo si è rifatto vivo tramite mail chiedendomi cosa facessi, raccontandomi di quello che stava combinando con quell’amichevolezza tipica di uno che non se l’è mai fatta scendere del tutto e ha sempre sperato in un eventuale ritorno di fiamma.
La mia reazione è stata di totale indifferenza, il fatto che mi avesse ricercata non mi fece ne caldo ne freddo ed è stato in quel momento che ho capito che quando l’amore per una persona se ne va, quello che ti lascia è l’indifferenza. A tutt’oggi lui può star male, può star bene non me ne frega niente e capisco quella poesia che finisce con ” lei per me è stato tutto, ma tutto passa”.
è proprio vero, tutto passa, soprattutto le persone sbagliate… Quella giusta invece resta per sempre in te ed è solo una.
è per questo che poi molti ex tra di loro tagliano i ponti, non è per cattiveria  ma è per reciproco e normale disinteresse ed è giusto che sia così. (A meno che non erano già da prima amici e allora in quel caso le basi sono diverse e spesso si resta in contatto).
L’AMORE LASCIA E RENDE LIBERI no? Se una persona ama sinceramente un’altra, qualora venisse lasciata se è veramente innamorata “SI RITIRA A VITA PRIVATA E SI LECCA LE FERITE ASPETTANDO CHE PASSI”- è questo quello che fanno le persone mature, è inutile accanirsi per farla\o tornare.
CI VUOLE DIGNITà e amor proprio. Uno\a non solo viene mollato ma poi si umilia in scenate di gelosia per l’ex che magari nel mentre si è già dato\a da fare con qualcunaltro? (magari col tuo miglio amico\a perchè quando le cose vanno male bisogna sembre ricordarsi che non c’è mai fine al peggio).
Scrisse Gibran “L’AMORE NON POSSIEDE E NON VUOLE ESSERE POSSEDUTO”, la gelosia nasce dalla voglia di possesso per questo chi è geloso fondamentalmente non sa amare in modo sano e se sei un ex e sei geloso di quello\a che ti ha mollato sei doppiamente “insano”.
LA TUA FELICITà è LA MIA FELICITà – ecco, questo è il compimento dell’ amore, quello vero. Se chi amiamo è felice con un altro\a vuol dire che doveva andare così, accetta la cosa e lasciala\o andare; probabilmente non è la persona giusta, è inutile essere gelosi se si è consapevoli che sta già frequentando un altro\a. Ste cose vanno vissute con serenità perchè se chi ti lascia dovesse comunque essere la tua mezza mela tornerà, magari in un altro periodo della vita, probabilmente dopo anni ma tornerà (anche se è inutile avere aspettative del genere, bisogna stare coi piedi piantati nel presente).
Si chiude una porta e si apre un portone, morto un papa se ne fa un altro, il mare è pieno di pesci…Insomma il mondo è pieno di proverbi che inneggiano al fatto che non c’è spazio per la gelosia da fine rapporto (figuriamoci per quella all’interno della coppia).
Con l’arrivo dell’estate, sarà che l’ormone si risveglia insieme alla voglia di nuove avventure, molte coppie scoppiano e il quadretto è sempre lo stesso:  uno dei due veste i panni del  “sono incasinato\a , infognato\a, non so che cazzo fare con te- dammi tempo per pensare- pausa di riflessione- crisi mistica quindi ti lascio momentaneamente ma forse ti ripiglio, nel dubbio aspettami”.
L’altro\a invece sta coi seguenti pensieri ” come può farmi questo? Non ci posso credere?!? Perchè mi ha lasciato? – chi cazzo è quello\a con cui ti ho visto uscire? perchè ti chiama e ti cerca? da dove salta fuori? è il tuo\a  amante!?!  Ma brava\o hai fatto presto a dimenticarmi eh? Stronza\o! “. Dopo la crisi isterica (tipica di tutti quelli che vengono lasciati e malati di gelosia) segue la fase: ” Ma io ti amo ancora…” e poi quella ancora peggiore dello zebinaggio, nella quale si fa di tutto per cercare di convincere l’altro\a a tornare. (Questa cosa poi diventa un ciclo chiuso e si procastina nel tempo; nel senso che dopo tot ore o giorni – dipende da quando la gelosia ha corroso l’animo del lasciato- si ripresenta la crisi isterica, la fase del ti amo ancora e quella del zerbinaggio). CI SONO PASSATI TUTTI QUELLI CHE ALMENO UNA VOLTA SONO STATI LASCIATI ed è qui c’è il DOVERE MORALE da parte di coloro che lasciano di farlo bene. …Siate chiari e onesti è una questione  di rispetto reciproco. Sincerità in assoluto perchè è giusto che la persona che state o avete lasciato capisca qual è la verita e che possa regolarsi di conseguenza (e molto probabilmente gli\le eviterete che cada nel circolo vizioso della gelosia isterica). Non è bello tenere sospesi i rapporti solo perchè non si sa che cavolo si vuole dalla vita. Non è bello tenere il piede in due scarpe; ci sono alcune persone che fanno così: ti mollo\pausa di riflessione – ho altre storielle – poi torno da te, ex, che tanto mi ha aspettato perchè te l’ho chiesto e nel frattempo sono stata brava\o non a non far sapere niente e a tenerti legato al cappio.
Quello che definisco “L’EX CHE SERVE DA RUOTA DI SCORTA QUANDO è FINITA LA PACCHIA”.
Ste cose sono obbrobbiose…Eppure succedono, quindi sta anche a chi viene mollato non farsi usare\lasciarsi infinocchiare così. Lui\lei ti chiede di aspettare che esca dalla sua crisi mistica? Non aspettare proprio niente. Mandalo a fanculo e volta pagina e difficile ma l’amore, quello sincero non ha mai dubbi, di nessun genere. Tu che invece lasci convinto e che hai attributi di non richiedere nessuna pausa e non temporeggi , pensa sempre a come vorresti essere lasciato tu…E comportati di conseguenza. La vita è sempre benevola con chi è sincero.
Passo ad un esempio sul come fronteggiare una classica telefonata di un EX che non si arrende:
-Ciao, dove sei, perchè non mi hai risposto prima, dov’eri? –>Risposta: Via (via può essere ovunque anche via dalla mia stanza ma comunque a casa).
– Via dove? –>Risposta: Non te lo dico sono affari miei (questo non è mentire, è essere sinceri).
– Chi è il tizio con cui ti ho visto ieri? –>Risposta: uno che mi piace.
– ci stai insieme? –>Risposta: sono affari miei\ che te frega\ se anche fosse non è affar tuo.
– perchè non mi hai risposto prima? –>Risposta: mi hai chiamato 10 volte in 5 minuti e ora ti ho risposto perchè mi hai rotto i coglioni e se non la smetti dovrò spegnere il telefonino.
– perchè non vuoi sentirmi? –>Risposta: perchè ora non ho voglia e ho altro a cui pensare
– altro? Un altro? –>Risposta: si cazzo, stavo guando va ben? Con quello col quale mi hai visto ieri. Mollime dei! – Ma io ti am…
Buttare già il telefono, fine della conversazione, spegnere il cellulare e  staccare il telefono di casa. Qualora lui\lei sia tanto psicopatico da fiondarsi a casa vostra lasciatelo\a fuori, cavoli suoi. Tempo 1\2 settimane e “se è normale” gli\le passarà.
Annunci

Informazioni su Cerchidifumo

...about me? Ah ah ah...
Questa voce è stata pubblicata in Qualcosa di speciale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Saggio sulla gelosia…Come trattarla.

  1. E. ha detto:

    Articolo che conosco, quello dell’ex tampinante… peggio della carta moschicida! ti si appiccicano e scollarli è una seccatura. di solito si rifanno vivi per natale-compleanno-pasqua-anniversariodelcriceto e sperano “che questa incomprensione si dilegui come nebbia passeggera” (e che è? beautiful?). Una vera seccatura!

  2. Davide ha detto:

    Ti devi mettere anche nei panni di chi è stato lasciato…mettiamo che dopo 8 anni che si condividono passioni,interessi,e momenti di vita belli o brutti una persona ti lascia dal giorno alla notte con la freddezza che mi dici staccando il telefono e non facendosi trovare a casa,io la vedo solo UNA CATTIVERIA e tra l’altro l’energia per farlo la da sicuramente un altra persona,per questo anche TRADIMENTO ED EGOISMO!In fine se una persona vuole essere come dici te “LIBERA”fare vacanze con gli amici,e condividere 1 ora alla sera con il fidanzato beh meglio che non si fidanzi nemmeno ed è meglio che rimanga SINGLE a vita,perché la gelosia è anche un sentimento nobile e passionale a rispetto di un rapporto piatto ed egoistico e liberale…ma si sa stiamo nell’era VIVI E LASCIA VIVERE che vogliamo di più,una persona che divide una vita dal giorno alla notte diventa un nemico…ma per cortesia ORGOGLIOSO DI ESSERE GELOSO!

    • Cerchidifumo ha detto:

      Gelosia non è un sentimento ne nobile ne passionale, è solo un istinto egoistico che provano tutti coloro che reputano “le persone pari ad oggetti”.

      …NON A CASO NEL 2012 SI STA NOTANDO UN VERO E PROPRIO FEMMINICIDIO IN ITALIA.
      Non c’è settimana che un TG non dia la notizia del solito ex che non accettava di essere stato lasciato dalla donna che “diceva di amare” e che per questo l’ha uccisa.

      Orgoglioso di essere geloso ma poi non lamentarti delle corna eh?

      • Davide ha detto:

        Facile prendere casi esasperati dai TG,perchè non prendere esempio da migliaia di persone “BUONE”che dedicano la propria “VITA”per un altra e vengono lasciati con il trattamento che tu descrivi,distruggendo la vita di chi gli sta affianco.Gelosia uguale sentimento egoistico?Capisco capisco…forse ci vorrebbe un bell’approfondimento sulla parola AMARE..Ma poi quale Vangelo o Santo Padre ha narrato questo paragrafo pontificio?Per me Gelosia è pura passione per una persona,tenerci,dare la base solida in rapporto al quale invece sarebbe piatto e senza senso.Forse chi si lamenta delle corna sono quelle tante persone “senza passione”che fanno fare tutto alla propria “anima gemella”nel rapporto ci vuole anche rispetto,e se una/o preferisce farsi le vacanze con gli amici invece di passarle con la persona che divide la vita beh meglio che rimanga sola!

        Vivi e lascia vivere ma poi non lamentarti che rimani sola a vita!

      • Cerchidifumo ha detto:

        …Ma per caso sei stato mollato? Perché solo uno che è stato silurato si perde a fare filippiche del genere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...